Camera Apps, Flat Lay and Instax Mood, I'm Addicted to
Leave a comment

Instant Photography | Fujifilm Instanx Square SQ10

Quando ho tenuto tra le mani la mia prima instantanea, ho venduto l’anima al diavolo e sono passato senza colpo ferire al lato oscuro del nuovo trend del momento, quello della instant photography! Avevo uno scatto solo con cui provare e ho dovuto dare il meglio di me per far si che quel solo scatto fosse perfetto! E pochi sono valsi i tentativi di Marco a farmi desistere dal comprare la mia prima macchina fotografica instantanea – instant camera tra gli addetti ai lavori!

Da qualche anno fotografo per passione. Fotografo per passione ad esempio dei fichi che prendo dal verduriere di fiducia per catturarne il loro dolce sapore. Fotografo per passione con una reflex e uno smartphone nonostante mio papà abbia un discreto know how sulle macchine fotografiche analogiche, che figlio sconsiderato che sono …

Click Click Click e in un batter d’occhio sti fichi del mio verduriere, freschi ora maturi un attimo dopo, hanno più scatti di Leone appena nato (sì Leone, il figlio di Chiara) e il dilemma su quale scegliere e mettere nei post inizia inesorabile.

Con le nuove tecnologie per memorizzare X mila file, App e software di post produzione, ci possiamo permettere il lusso di scattare una grande quantità di foto, tutte diverse da loro. Sopra, sotto, davanti e dietro, in diagonale, con il buio e con la luce, insomma a questi gustosi fichi facciamo una perfetta radiografia e non ci lasciamo sfuggire nulla … Scattiamo senza senso, perchè siamo consapevoli di avere tanto materiale tra cui scegliere.

Ma quando ho tenuto tra le mani la mia prima instantanea, sono passato senza colpo ferire al lato oscuro del nuovo trend del momento, quello della instant camera! Avevo uno scatto solo con cui provare e ho dovuto dare il meglio di me per far si che quel solo scatto fosse perfetto! Si vabbè posso migliorare ma la soddisfazione è stata tanta!

Ora proprio nuovo non è questo trend della macchine instantane, “ma meglio tardi che mai” direbbe mia nonna mentre pela i fichi. E così, anche io, Apelle figlio di Apollo fece una palla di pelle di pollo … no ho sbagliato. Dicevo. E così, anche io, dopo tanto titubare ho ceduto al fascino della instant photography e mi sono concesso il lusso della nuova Fujifilm Instanx Square SQ10; una sorta di compromesso ideale per chi non vuole perdere i vantaggi della fotografia digitale ma che ha voglia di avere tra le mani la foto appena scattata!

Ecco la lista delle caratteristiche della Instax SQ10 (fonte Alta Definizione)

  1. la Instax SQ10 è dotata di un display LCD
  2. ha una risoluzione pari a 3,6 megapixel
  3. l’obiettivo ha una lunghezza focale equivalente a 28 mm con apertura F2.4
  4. è leggera e di facile impugnatura
  5. è l’unica analagica digitale
  6. 10 filtri con cui modificare le foto
  7. funzioni di controllo della luminosità e della vignettatura
  8. archivia fino a 50 foto in jpeg – di più con la memory card
  9. ha l’attacco per un treppiede
  10. ha la batteria integrata
  11. è progettata per risultare simmetrica ed è per questo dotata di un doppio pulsante per lo scatto, uno per ciascun lato. Si può quindi impugnare senza difficoltà con la mano destra o sinistra

Ecco invece la lista dei pro acquisto della Instax SQ10 a dispetto delle altre sul mercato – la lista dei contro è andata misteriosamente persa:

  1. mi permette un controllo sulle foto senza sprecare carta (un rischio controllato)
  2. è leggera e di facile utilizzo per strada e in posizioni non proprio eleganti
  3. perfetta per gli scatti che precedeno lo scatto ufficiale con la reflex – le foto le uso come archivio o come “accessori” per altre fotografie, magari su instagram
  4. il formato quadrato è perfetto per i ritratti del cane e dei gatti
  5. ha una cover trasparente da urlo!

Il problema, per Marco non certo per me, è che ora necessito di ampliare la famiglia delle FujiFilm Instax, una per il formato Mini – adatta per i dettagli e una per il Formato Maxi – perfetta per il mio progetto editoriale

http://www.finegrain.es/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *